www.cablex.ch
cablex SA | Tannackerstrasse 7 | 3073 Gümligen |

20/08/2020  /  Carolin Primerova
news

Cosa significa XGS-PON?

Dal momento della sua attivazione, avvenuta a gennaio 2020, la nuova tecnologia XGS-PON offre una nuova soluzione di inserimento della fibra ottica fin dentro l'abitazione. Cos'è XGS-PON? Come funziona la nuova tecnologia splitter e quali vantaggi offre?

facebook Google Plus Whatsapp RSS

Il montaggio della scatola di collegamento domestico (SCD/BEP) e l'installazione dello splitter richiedono solo poche ore. Barto Misko mostra le fasi di Lavoro (vedi sotto).


Che cos'è un XGS-PON?

PON significa «Passiv Optical Network», ossia «rete ottica passiva». Con questa definizione si intende una rete di accesso ottica (rete in fibra ottica) che nella zona compresa tra la centrale e la presa OTO in casa è composta solo da componenti (cavi, connettori, manicotti o splitter) privi di alimentazione elettrica. 

Cosa significa XGS?

Quando parliamo di XGS-PON, in cablex parliamo della nuova «tecnologia splitter». Consente di allacciare, con un’unica fibra, fino a 32 clienti. A ogni cliente può essere offerta una larghezza di banda di 10 Gigabit al Secondo. La velocità in upload e download è la stessa, pertanto si parla anche di PON simmetrica.

XGS-PON significa quindi: X=10  G=Gigabit  S=symmetrical P=passive  O=optical  N=network

Qual è la differenza tra XGS-PON e Fibre to the Building o Fiber to the Home?

Mentre nell'installazione Fibre to the Building (FTTB) il cavo in fibra ottica termina nel micro CAN in cantina e il segnale viene condotto negli ultimi metri dalla cantina all'abitazione mediante un cavo in rame, con l'XGS-PON tutto ciò può avvenire con la fibra ottica. Di conseguenza, l'XGS-PON offre una connessione più rapida rispetto all'FTTB.

Dal punto di vista tecnologico, l'XGS-PON rappresenta un passo in avanti ulteriore del Fibre to the Street (FTTS) verso il Fibre to the Home (FTTH) o, se vogliamo descriverlo in altre parole: l'estensione della rete in fibra ottica fino al pozzetto della strada (FTTS) si sviluppa ulteriormente fin dentro l'abitazione. Con l'FTTH o l'XGS-PON gli ultimi metri vengono collegati con la fibra ottica anziché, come accadeva in precedenza con l'FTTS o l'FTTB, tramite un cavo in rame. In questo modo è possibile ottenere anche le rapide larghezze di banda che possono raggiungere 10 Gigabit al secondo.

XGS-PON viene impiegato nell'area FTTS quando nell'edificio sono presenti almeno dodici unità di utilizzo che devono essere collegate con fibra ottica fino alla presa OTO in casa. Al posto di un mCAN, nel pozzetto o nella scatola di collegamento domestico viene installato uno splitter. 

L'XGS-PON è in gran parte concepito in maniera simile rispetto all'FTTH.

La differenza tra le due tecnologie consiste nell'utilizzo di uno splitter. Lo splitter, che viene utilizzato in un manicotto feeder o in una scatola di collegamento domestico (SCD o BEP), permette di distribuire il segnale SCFO della centrale, a seconda dello splitter, da una fibra a 16 o 32 fibre. In questa fase, con l'XGS-PON è possibile oramai rifornire fino a 32 clienti con un'unica fibra, laddove invece con il classico FTTH era possibile rifornire solo un cliente con una fibra.

La rete FTTS è stata concepita fin dall'inizio in modo tale che in tutti i pozzetti in cui è montato un mCAN vi siano anche riserve sufficienti di splitter XGS-PON. In questo modo, tutti i nuovi clienti possono essere collegati con la fibra ottica direttamente a partire dal manicotto fino alla presa OTO.

Riguardo all'architettura di rete, è possibile distinguere tre casi:

Caso 1: Collegamento punto-a-multipunto (P2MP) con splitter nel pozzetto (DP)

Caso 2: Collegamento punto-a-multipunto (P2MP) con splitter nel BEP (edificio)

Con questo collegamento punto-a-multipunto (P2MP) il cavo in fibra ottica viene portato tramite un primo splitter in centrale e un secondo splitter nel BEP o nel pozzetto (DP) fino alla presa OTO.

 

Grafik xgs-pon neu

 

Caso 3 (senza illustrazione): Collegamento punto-a-multipunto (P2P) con splitter nella centrale (CO). Il caso 3 corrisponde a un collegamento FTTH consueto. 

Realizzazione XGS-PON nel BEP.

A St. Moritz sono state collegate più sedi con l'XGS-PON. Tra di esse vi era anche l'edificio dell'amministrazione comunale della vicina località di Celerina. Una volta firmato il contratto per l'installazione di uno splitter tra proprietario dell'edificio e Swisscom, avviene la cosiddetta registrazione. Un montatore scatta foto sul posto per documentare l'infrastruttura e «registrare» tutte le informazioni necessarie per l'installazione. Sulla base di queste informazioni, viene creato il Site Acquisition Report (SAR). In precedenza, per il collegamento dell'edificio comunale con la fibra ottica sono stati effettuati lavori di scavo volti a introdurre nell'edificio il cavo in fibra ottica all'interno del cosiddetto tracciato e inserirlo fino dentro la scatola di collegamento domestico.

Il montaggio della scatola di collegamento domestico (SCD/BEP) e l'installazione dello splitter richiedono solo poche ore. 

Barto Misko mostra le fasi di lavoro:

cablex SA | Tannackerstrasse 7 | 3073 Gümligen | Telefono 0848 222 539 | cablex.info@cablex.ch